Juicy Salif by Philip Starck, Alessi

DSC_1093

(eng) Juicy Salif, designed by French designer Philippe Starck in 1990 and produced by Alessi. A design icon, a piece of the author, also exhibited at the MOMA in New York, is the most famous juicer. Very easy to use, even easier to wash after use, Juicy Salif is made ​​of die-cast aluminum. For those interested in the process: molten aluminum is injected into the mold under high pressure. When the metal has solidified, the mold is opened into five parts and the workpiece is cleaned from impurities and burrs (smaterazzatura) and subsequently polished.

(ita)  Juicy Salif, disegnato dal designer francese Philippe Starck nel 1990 e prodotto da Alessi. Un’icona del design, un pezzo d’autore, esposto anche al MOMA di New York, è lo spremiagrumi più famoso. Facilissimo da usare, ancora più semplice da lavare dopo l’uso, Juicy Salif viene realizzato in pressofusione di alluminio. Per chi si interessa del procedimento: nello stampo viene iniettato alluminio fuso a forte pressione. Quando il metallo si è solidificato, lo stampo viene aperto in cinque parti e il pezzo viene ripulito dalle impurità e dalle sbavature (smaterazzatura) e successivamente brillantato.

 

CURIOSITY                                                                                                           (eng) Philippe Starck was having lunch on the Amalfi coast. As he ordered a plate of calamari he was pondering his latest commission from the Italian design house Alessi. The company, responsible for so many acclaimed designs over the years, had requested a tray. Starck needed to work out how to bring his unique talents to such a humdrum object. Glancing down at his plate, he realised that he had no lemon.

As he beckoned to the waiter, Starck was suddenly seized by an idea. He began scribbling on his paper napkin.

Twenty years on, that napkin is now in the Alessi Museum. Greasy and lemon-stained, it depicts the very first doodles of what would become the now iconic Juicy Salif lemon squeezer.

Alberto Alessi, the manager of the company, recalls: “I received a napkin from Starck; on it, among some incomprehensible marks – tomato sauce, in all likelihood – there were some sketches. Sketches of squid. They started on the left and as they worked their way over to the right, they took on the unmistakable shape of what was to become the Juicy Salif lemon squeezer.

First produced in 1990, this squeezer is as controversial as many of Starck’s other designs. Some say it doesn’t work very well and makes a mess of the worktop. Others celebrate it as a piece of form over function. Whatever your opinion, it now ranks among the greats of modern design with a place in the Museum of Modern Art in New York, which means that it’s a work of art in your kitchen.

Michael Czerwinski, of London’s Design Museum, says of the squeezer: “Starck has imbued what was a perfectly adequate kitchen drawer filler with aspirational desirability, indications of intellectual meaning and a mythical lack of juicing prowess.”

Salif stands 29 centimetres high, is made from cast and polished aluminium and is still available for £43 for Alessi.com. Alessi has also produced 10,000 gold-plated versions, which were never intended for use as the citric acid in the lemon discolours the juicer. Starck is rumoured to have said: “It’s not meant to squeeze lemons, it is meant to start conversations.”

And the tray? Well, two years later, Starck finally gave them his idea for the Voilà Voilà tray.

article by theindependent.uk         

 

CURIOSITA’                                                                                                                   (ita) Philippe Starck era a pranzo in Costiera Amalfitana. Come egli ha ordinato un piatto di calamari stava meditando la sua ultima commissione del design italiano casa Alessi. L’azienda, responsabile di tanti disegni acclamati nel corso degli anni, aveva chiesto un vassoio. Starck aveva bisogno di capire come portare i suoi talenti unici di un tale oggetto banale. Abbassando lo sguardo verso il suo piatto, si rese conto che non aveva limone.

Come fece cenno al cameriere, Starck è stato improvvisamente colto da un’idea. Ha iniziato a scarabocchiare sul suo tovagliolo di carta.

Venti anni dopo, che il tovagliolo è ora nel Museo Alessi. Greasy e limone-macchiato, raffigura i primi scarabocchi di quello che sarebbe diventato l’ormai iconico Juicy Salif spremiagrumi.

Alberto Alessi, il manager della società, ricorda: “Ho ricevuto un tovagliolo da Starck, su di essa, tra alcuni segni incomprensibili – salsa di pomodoro, con ogni probabilità – ci sono stati alcuni schizzi Schizzi di calamari Iniziarono a sinistra e come.. hanno lavorato la loro strada verso destra, hanno preso la forma inconfondibile di quella che sarebbe diventata la Juicy Salif spremiagrumi.

Prima prodotta nel 1990, questo spremiagrumi è così controverso come molti altri disegni di Starck. Alcuni dicono che non funziona molto bene e fa un casino del piano di lavoro. Altri lo celebrano come un pezzo di forma sulla funzione. Qualunque sia la vostra opinione, si colloca oggi tra i grandi del design moderno con un posto nel Museum of Modern Art di New York, il che significa che si tratta di un’opera d’arte in cucina.

Michael Czerwinski, del Design Museum di Londra, dice di spremiagrumi: “Starck ha imbevuto quello che era perfettamente adeguata cucina cassetto di carico con desiderabilità aspirazionale, indicazioni di significato intellettuale e di una mitica mancanza di spremitura prodezza.”

Salif si erge alto 29 centimetri, è realizzato in ghisa e alluminio lucidato ed è ancora disponibile per £ 43 per il Alessi.com. Alessi ha anche prodotto 10.000 versioni dorati, che non sono mai stati destinati ad essere utilizzati come l’acido citrico nelle scolora limone spremiagrumi. Starck si dice abbia detto: “Non è lo scopo di spremere i limoni, che ha lo scopo di avviare conversazioni.”

E il vassoio? Beh, due anni più tardi, Starck ha dato loro la sua idea per il vassoio Voilà Voilà.

articolo preso da theindependent.uk

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...